Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

giovedì 10 luglio 2008

Blackbird

Ma ci può essere qualcosa di più bello, fresco, e immortale di un brano come Blackbird? L'uccello nero (merlo), composto da Paul McCartney, è uno dei capolavori del White Album, il mitico doppio LP stampato nell'anno epocale che fu il 1968... avevo solo 3 anni allora e un anno dopo il LEM Eagles sarebbe allunato sul nostro satellite. Il mondo sarebbe più povero di note, colori e sorrisi se non fossero nati i Beatles... altro che la Luna, loro hanno conquistato i nostri cuori!
Blackbird singing in the dead of night Take these broken wings and learn to fly All your life You were only waiting For this moment to arise Blackbird singing in the dead of night Take these sunken eyes and learn to see All your life You were only waiting For this moment to be free Blackbird fly Blackbird fly In to the light of a dark black night Blackbird fly Blackbird fly In to the light of a dark black night Blackbird singing in the dead of night Take these broken wings and learn to fly All your life You were only waiting For this moment to arise You were only waiting For this moment to arise You were only waiting For this moment to arise E sono orgoglioso di saperla suonare sulla chitarra tale e quale a Paul... cantarla come lui però non ci riesco! :-)

3 : commenti:

la cesira ha detto...

auguri giovane quarantenne... sai forse torno a Capo Verde per completare il mio viaggio partito nel 1998 e rivitalizzato nel 2005.
Sull'isola di Santiago troverò due persone speciali, viaggiatori e sognatori di settant'anni circa, che hanno scelto di seguire il cuore.
Li ho conosciuti via internet nel 2005, ma non potendo sbarcare a Santiago non li conobbi mai...spedii loro un pezzo di formaggio grana che mi avevano richiesto e che avevo portato da casa fino a Sal, un'altra isola dell'arcipelago.
La scorsa settimana li ho scritto una mail e mi hanno risposto subito invitabdomi ad andare a trovarli...Ti saluto con l'augurio di perseguire la via ora che l'hai imboccata. I sogni se non son folli non si realizzano.

Anonimo ha detto...

Senti i Beatles e Paul avranno conquistato i nostri cuori ma finchè ad interpretare le loro canzoni sono esseri glaciali come un certo Alberto Fortis il cuore mi si ghiaccia.....ma l'hai visto Alby questa sera in tv al tributo per i Beatles? E non ho più parole!

* DANIELE PASSERINI * ha detto...

No, non sapevo manco che c'era 'sto tributo (che fantasia fare un tributo ai Beattles, davvero originale!)... la TV è l'elettrodomestico meno usato a casa mia... si rianima un po' giusto quando c'è mia figlia!

In effetti mi verrebbe da dire: ma che ci azzecca Alberto Fortis coi Beattles??? Non è mai stato tra i miei preferiti comunque all'inizio deglia anni '80 non era malaccio... vedi questa celebre canzone accompagnata dai disegni del grande Andrea Pazienza (Fortis in effetti assomiglia a certi personaggi disegnati da Pazienza!).

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails