Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

sabato 7 giugno 2008

E tutti vissero felici e contenti

Una notizia a lieto fine appena letta sul giornale, cercata e ritrovata su internet e cooptata per il blog!

Lui è in coma da un anno, un giorno la sua compagna gli sussurra: "Ti prego svegliati. Se ti svegli, giuro che ti sposerò". Ed ecco l'happy end da libro delle fiabe: sabato prossimo convoleranno a nozze davvero, perché lui è uscito dal coma grazie a quelle parole. È una storia che mi emoziona e commuove, e colora e scalda di sole persino una mattina uggiosa di nuvole lente e avvisaglie di pioggia come questa.

Immagino che all'origine della favola della Bella Addormentata possa esserci proprio un episodio simile: una donna caduta in coma, il suo uomo che la veglia giorno dopo giorno con la determinazione del suo amore, finché un giorno un bacio la risveglia. Sarò anche scontato, ma adoro le favole a lieto fine!

Gli promette nozze, esce dal coma
Venezia, sabato il matrimonio in Comune

Gli aveva promesso di sposarlo per aiutarlo a svegliarsi dal coma e lui, aprendo gli occhi, le aveva subito indicato l'anulare sinistro, facendo il gesto dell'anello. E' questa l'incredibile vicenda di Anna Guarinoni e Guido Franzon, una coppia di Chirignago (Venezia), che ha deciso di sposarsi dopo aver vissuto momenti drammatici. Sabato ci sarà il lieto fine della loro storia con le nozze in Municipio.
Il matrimonio arriva dopo 12 anni di convivenza e un figlio di 5 anni. Una scelta fortemente legata alla promessa fatta in ospedale. "La decisione del fatidico sì è legata a quanto successo un anno fa quando per un'infezione lui era entrato in coma - ha spiegato Anna a 'La Nuova Venezia' -. ''Andavo a trovarlo tutti i giorni in ospedale. Gli parlavo sempre, anche se lui era immobile. Un giorno gli ho detto 'Guido, ti prego svegliati. Se ti svegli, giuro che ti sposerò".

E così è stato. Guido si è svegliato dopo qualche giorno, il 10 aprile del 2007. Sorridendo ha fatto il segno dell'anello, come a dire che una promessa va mantenuta. Per lui, maestro vetraio, il matrimonio era un sogno, il giusto coronamento del suo amore per Anna. Sabato sarà il grande giorno.
(da Tgcom)

0 : commenti:

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails