Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

lunedì 28 maggio 2007

LA QUERCIA DEL TASSO

Qualche notte fa, rientravo a casa, un grosso tasso ha attraversato la carreggiata davanti ai fari dell'auto: l'animale ha indugiato un istante per gettarmi un'occhiata, poi si è eclissato nella vegetazione... non penso di averne mai visti così a ridosso della città. Questo incontro fortunoso ha disseppellito dai miei ricordi un "affabuloso" brano di Achille Campanile (1899-1977) che lessi almeno 25 anni fa! L'ho cercato in internet ed eccolo inserito nel blog - con un po' di libertà - a metà tra le categorie fiabe e off topic. Trovo che sia delizioso (Campanile è considerato uno dei maggiori umoristi italiani del '900).
Buona lettura e attenti a non annodarvi qualche meninge!


***

LA QUERCIA DEL TASSO
di Achille Campanile
Quell'antico tronco d'albero che si vede ancor oggi sul Gianicolo a Roma, secco, morto, corroso e ormai quasi informe, tenuto su da un muricciolo dentro il quale è stato murato acciocché non cada o non possa farsene legna da ardere, si chiama la quercia del Tasso perché, avverte una lapide, Torquato Tasso andava a sedervisi sotto, quand'essa era frondosa.

Anche a quei tempi la chiamavano così.


Fin qui niente di nuovo. Lo sanno tutti e lo dicono le guide.


Meno noto è che, poco lungi da essa, c'era, ai tempi del grande e infelice
poeta, un'altra quercia fra le cui radici abitava uno di quegli animaletti del genere dei plantigradi, detti tassi.

Un caso.


Ma a cagione di esso si parlava della quercia del Tasso con la "t"
maiuscola e della quercia del tasso con la "t" minuscola. In verità c'era anche un tasso nella quercia del Tasso e questo animaletto, per distinguerlo dall'altro, lo chiamavano il tasso della quercia del Tasso.

Alcuni credevano che appartenesse al poeta, perciò lo chiamavano "il tasso
del Tasso"; e l'albero era detto "la quercia del tasso del Tasso" da alcuni, e "la quercia del Tasso del tasso" da altri.

Siccome c'era un altro Tasso (Bernardo, padre di Torquato, poeta
anch'egli), il quale andava a mettersi sotto un olmo, il popolino diceva: "E' il Tasso dell'olmo o il Tasso della quercia?".

Così poi, quando si sentiva dire "il Tasso della quercia" qualcuno
domandava: "Di quale quercia?".

"Della quercia del Tasso."


E dell'animaletto di cui sopra, ch'era stato donato al poeta in omaggio al
suo nome, si disse: "il tasso del Tasso della quercia del Tasso".

Poi c'era la guercia del Tasso: una poverina con un occhio storto, che
s'era dedicata al poeta e perciò era detta "la guercia del Tasso della quercia", per distinguerla da un'altra guercia che s'era dedicata al Tasso dell'olmo (perché c'era un grande antagonismo fra i due).
Ella andava a sedersi sotto una quercia poco distante da quella del suo
principale e perciò detta: "la quercia della guercia del Tasso"; mentre quella del Tasso era detta: "la quercia del Tasso della guercia": qualche volta si vide anche la guercia del Tasso sotto la quercia del Tasso.
Qualcuno più brevemente diceva: "la quercia della guercia" o "la guercia
della quercia". Poi, sapete com'è la gente, si parlò anche del Tasso della guercia della quercia; e, quando lui si metteva sotto l'albero di lei, si alluse al Tasso della quercia della guercia.

Ora voi vorrete sapere se anche nella quercia della guercia vivesse uno di
quegli animaletti detti tassi.

Viveva.


E lo chiamarono: "il tasso della quercia della guercia del Tasso", mentre
l'albero era detto: "la quercia del tasso della guercia del Tasso" e lei: "la guercia del Tasso della quercia del tasso".

Successivamente Torquato cambiò albero: si trasferì (capriccio di poeta)
sotto un tasso (albero delle Alpi), che per un certo tempo fu detto: "il tasso del Tasso".

Anche il piccolo quadrupede del genere degli orsi lo seguì fedelmente, e
durante il tempo in cui essi stettero sotto il nuovo albero, l'animaletto venne indicato come: "il tasso del tasso del Tasso".

Quanto a Bernardo, non potendo trasferirsi all'ombra d'un tasso perché non
ce n'erano a portata di mano, si spostò accanto a un tasso barbasso (nota pianta, detta pure verbasco), che fu chiamato da allora: "il tasso barbasso del Tasso"; e Bernardo fu chiamato: "il Tasso del tasso barbasso", per distinguerlo dal Tasso del tasso.
Quanto al piccolo tasso di Bernardo, questi lo volle con sé, quindi da
allora quell'animaletto fu indicato da alcuni come: il tasso del Tasso del tasso barbasso, per distinguerlo dal tasso del Tasso del tasso; da altri come il tasso del tasso barbasso del Tasso, per distinguerlo dal tasso del tasso del Tasso.

Il comune di Roma voleva che i due poeti pagassero qualcosa per la sosta
delle bestiole sotto gli alberi, ma fu difficile stabilire il tasso da pagare; cioè il tasso del tasso del tasso del Tasso e il tasso del tasso del tasso barbasso del Tasso.
LINK:

3 : commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Daniele,

avevo sbirciato tutto il tuo blog...prima di fermarmi...adesso con calma, come un libro che si ama approfondire lo sto sfogliando dal primo post...e dove avrò qualcosa da dire metterò il mio commento.
Ho oletto il racconto..si può dire? E' molto simpatico. Campanile è uno scrittore che mi sono ripromessa di conoscere, ma non l'ho ancora fatto tu me ne hai dato un assaggio, magari continuerò con altre letture..
Grazie e con calma proseguo a sfogliare...che ho già viasoto un sacco di cose che mi interessano!
DONNAchenina

Daniele ha detto...

La mia motivazione principale a curare questo blog, è proprio questa: far circolare informazioni, conoscenze, emozioni. Le opere umoristiche di Campanile erano una passione di Mario, il padre del mio compagno di banco al liceo: passata di padre in figlio, un pezzetto di questa passione arrivò pure a me, nella forma di quel brano sul Tasso che m'è rimasto scolpito nella memoria. Ma magari la passione di Mario, a distanza di un quarto di secolo, potrebbe passare a te attraverso un post... non è meraviglioso? :)

Donnachenina BLOG ha detto...

Sì,
credo proprio che questo è il meglio del virtuale!
Riuscire a far circolare quello che dalla cultura non deve sparire,io sono andata a ripescare questo post...dopo quasi due anni e ci trovo lo spunto per dedicarmi a delle letture!
Ciao

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails